LA NOSTRA VITA È PIÙ IMPORTANTE DEL PROFITTO DEI PADRONIIl

Il profitto privato, per i padroni é più importante delle nostre vite e della nostra salute.Ciò è stato ulteriormente dimostrato durante questa pandemia, quando in pieno Lockdown hanno continuato a lavorare anche le produzioni non essenziali.

Ciò è successo anche alla Tenaris Dalmine, dove l’unica produzione essenziale era quella della Sabbio, ma nonostante ciò vi erano lavoratori all’opera anche in altri reparti.

Se ciò è accaduto alla Dalmine, un complesso enorme che durante tutto il periodo del Lockdown è stato sotto i riflettori della stampa, figuriamoci nelle piccole e medie imprese, sopratutto nelle valli.In Dalmine, si è ripartiti con una serie di accorgimenti concordati tra ASL-AZIENDA-SINDACATI RSU, senza però alcuna prova tampone prima del rientro.37 sono state le vittime accertate per il rientro a lavoro nella bergamasca.2452 gli infortuni legati al Covid-19 ( report INAIL ).

Alla Dalmine cosa ha riservato il rientro a lavoro ?Cassa integrazione, definizione di turni settimana per settimana, esuberi…

Ancora una volta i lavoratori sono chiamati a pagare lo scotto della crisi.Perché la sete di profitto non viene mai meno a “lor signori”, neanche durante una pandemia.Spremeranno tutto ciò che può essere spremuto, e lo stanno già facendo con accordi sindacali a ribasso, massima flessibilità, massimo profitto, meno lavoratori e meno soldi per chi rimane a lavorare.

Di fronte a tutto questo l’unica via di uscita è il protagonismo dei lavoratori e LA LORO ORGANIZZAZIONE DAL BASSO.

Basta essere succubi di padroni, sindacati collaborazionisti e delegati compiacenti.

FLMU-Dalmine

Volantino-Tenaris-Settembre-20204764

About the Author

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *