ENNESIMO INGANNO O RIVOLTA! ACCORDO INVITALIA/ARCELOR MITTAL

La nazionalizzazione, senza il controllo operaio tanto reclamato, diretto da uno Stato-Padrone, rappresenta una gestione perfettamente in linea con quella dei privati.La FLMU lo ha sostenuto più volte: “non sarà la nazionalizzazione intesa in questi termini che cambierà le cose.L’acciaieria di Taranto, Italsider prima e ILVA dopo, é già in mano allo Stato, con effetti disastrosi negli anni per i lavoratori e per l’intero Territorio.L’accordo firmato tra Invitalia (società controllata dallo Stato) e Arcelor Mittal, oltre che sperperare milioni di euro pubblici, non cambia la drammatica situazione dei lavoratori diretti e indiretti ex ILVA, Arcelor Mittal e dei cittadini di Taranto…anzi ignora le rivendicazioni e aspettative sia per una garanzia occupazionale, sia per la salvaguardia della salute.La modifica del piano ambientale, il nuovo piano industriale, l’assenza di misure restrittive bei confronti di AM investCo non é altro che l’ennesima presa in giro per tutti, è uno schiaffo alla dignità dei morti ammazzati da quei veleni.Non é il primo accordo scellerato che viene sottoscritto, ma chi continua ad ignorare la necessità dei lavoratori e dei cittadini si rende complice di quanto sta avvenendo.Le O.O.S.S. che in questi anni hanno sottoscritto di tutto, non hanno più nulla da offrire, se non “l’agitarsi” per potersi sedere al tavolo con i padroni.Questo non serve ne ai lavoratori, né tantomeno ai comitati dei cittadini.In alternativa, possono con umiltà scegliere di stare dalla parte di chi per troppo tempo ha dovuto subire inganni e promesse, organizzando unitariamente la pretesa da parte dei lavoratori di un lavoro STABILE, che garantisca la salvaguardia della SALUTE e il risanamento ambientale di tutto il territorio.Abbiamo da tempo denunciato quello che oggi è sotto gli occhi di tutti.Non c’è certezza, non c’è futuro se non ci sarà una FORTE RISPOSTA DEI LAVORATORI PROTAGONISTI CON LA LOTTA !

ENNESIMO-INGANNO-O-RIVOLTA

About the Author

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *